Prevenire il diabete:
sì all'attività fisica, ma senza scorciatoie

Lo studio

Secondo uno studio scozzese 2 minuti di esercizio intenso a settimana migliorano il funzionamento di cuore e arterie e contrastano la resistenza all'insulina, ma l'esperto di Multimedica avverte: meglio attenersi alle indicazioni dell'Oms.

Quanta attività fisica bisogna fare ogni giorno per mantenere un buon stato di salute? Secondo un gruppo di ricercatori dell'Abertay University (Dundee, Scozia) anche due minuti potrebbero essere sufficienti, almeno per prevenire il diabete di tipo 2. E' però necessario rispettare una condizione: l'esercizio deve essere praticato ad altissima intensità.

I ricercatori sono arrivati a questa conclusione grazie a uno studio pubblicato sulla rivista Biology che ha coinvolto 14 pazienti con indice di massa corporea superiore a 24, valore limite per essere considerati normopeso. I partecipanti si sono esercitati sulla cyclette 2 volte alla settimana, eseguendo ogni volta dieci sprint di 6 secondi alla velocità massima possibile, intervallati da pause di circa 60 secondi. Ogni sessione prevedeva quindi un minuto di esercizio effettivo.

I risultati

Dopo 8 settimane di allenamento è stato osservato un aumento medio della quantità di ossigeno trasportato pari all'8%.

Anche la funzionalità fisica è migliorata, soprattutto nelle donne, nel cui caso ne è stato rilevato un aumento del 27 per cento contro l'11 per cento osservato negli uomini.

Infine, la curva di risposta al glucosio è scesa del 6 per cento.

In altre parole, questo tipo di esercizio è stato associato a benefici sia dal punto di vista cardiovascolare sia in termini di resistenza all'insulina.

Domande & Risposte

Possono quindi bastare 2 minuti alla settimana di attività intensa per tenere a bada il diabete? “La prevenzione delle patologie metaboliche sicuramente si attua con modifiche dello stile di vita, e 2 minuti alla settimana mi sembrano davvero pochi, come sembra poco utile dal punto di vista metabolico una attività 'forzata' di breve durata”, spiega il dott. Cesare Berra, capo dipartimento interaziendale Diabetologia del Gruppo Multimedica.

“Meglio non cercare scorciatoie poco utili”, consiglia l'esperto, “e attenersi a quanto raccomandato dall'Organizzazione mondiale della sanità che prescrive 150 minuti di attività fisica aerobica moderata alla settimana o in alternativa 75 minuti attività fisica settimanale aerobica vigorosa. e puntualmente confermato dai nostri medici a livello ambulatoriale. Considerando i nostri ritmi consiglio almeno 15' al giorno di attività aerobica o 30' ogni 2 giorni sempre di attività aerobica associata ad una corretta alimentazione”.